LIVORNO PORT CENTER | Esposizione delle imbarcazioni storiche
Esposizione di alcune imbarcazioni storiche recentemente restaurate
Livorno Port Center, percorso museale, centro educativo-espositivo
16372
page-template-default,page,page-id-16372,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-7.7,wpb-js-composer js-comp-ver-4.7.4,vc_responsive
 

Esposizione delle imbarcazioni storiche

ANDARE PER MARE ATTRAVERSO IL TEMPO

Nell’ambito del progetto “Livorno Port Center” si e recentemente concluso, a cura dell’Autorità portuale di Livorno, il restauro di alcune imbarcazioni storiche. Si tratta in particolare del Navicello “Pilade” e del Rimorchiatore “Marzocco”, custodite nel Magazzino ex FS del porto e della “M/v Bruno Gregoretti”, ormeggiata nei pressi dell’emiciclo dell’Andana degli Anelli.

Con questa opera di restauro I’Autorità Portuale intende recuperare e valorizzare il patrimonio storico portuale, di cui il Livorno Port Center costituisce il fulcro centrale.

 

NAVICELLO PILADE

La costruzione del Navicello “Pilade”, risale al 1907. Il navicello era, all’epoca, un’imbarcazione usata per il trasporto delle merci. Ne esistevano due tipologie: il navicello da mare, battello adibito alla navigazione costiera, armato con due alberi, ed il navicello propriamente detto, battello fluviale che trae propulsione da un traino effettuato da terra mediante persone oppure animali. La storia dei navicelli ha quindi origine agli albori del ventesimo secolo e porta con sé un profondo riferimento alle attività portuali dell’epoca.

 

RIMORCHIATORE MARZOCCO

Il Rimorchiatore “Marzocco” è stato invece costruito a Livorno nel 1952 ad opera del cantiere Mazzantini & Romoli di Livorno, su commissione del Genio Civile Opere Marittime di Livorno. Il progetto di riferimento, al momento ignoto, risale con probabilità agli Anni Trenta.

Nel 1954 è stato immatricolato nel Compartimento Marittimo di Livorno al numero 5426 del Registro Navi e Galleggianti della Capitaneria di Porto di Livorno. Ha iniziato cosi una intensa attività dedicata alla edificazione e alla modifica di opere marittime lungo la costa toscana, isole comprese. E’ stato disarmato dopo trent’anni di servizio.

 

MOTOVEDETTA GREGORETTI

La Motovedetta “Bruno Gregoretti”, imbarcazione cosiddetta “ognitempo”, date le  caratteristiche strutturali, appartiene alla classe “Theodor Heuss”. Fa parte di una serie di motovedette commissionate dalla “Società Tedesca per il Soccorso in Mare” con sede a Brema, recanti ciascuna un’imbarcazione ausiliaria delta “seppietta”, utilizzata nelle operazioni di ricerca e salvataggio. Varata in Germania nel 1972 dai cantieri Schweers di Bardenfleth, la “Bruno Gregoretti” è entrata in servizio il 4 luglio 1972 ed è stata ceduta dalla Capitaneria di Porto all’Autorità Portuale il 2 luglio 2012.